NULLA DUE VOLTE

Nulla due volte, è un’installazione in cui un gioco di rimandi tra elementi tridimensionali e il ripetersi di uno stesso colore, fondono realtà e rappresentazione avvicinandosi all’idea di assenza, di ricordo e di reinvenzione del presente.

L’installazione è composta da un frammento azzurro trovato in riva al mare e altri oggetti e manufatti che lo richiamano per forma e colore.

In sequenza, un solido di sabbia, un bidone azzurro, un disegno intitolato Fichi, un frutto e due specchi, sono disposti nello spazio attraverso il ripetersi di elementi associati a coppie: il bidone e il suo simile disegnato con tondino di ferro, l’ovale di sabbia e l’anguria, il ramo di fichi dipinto e un suo accenno appeso al soffitto e infine i due specchi, si richiamano nello spazio.

L’installazione è un tentativo di esplorare l’idea di memoria mettendo in dialogo elementi reali, apparenza e transitorietà.

Nel voler ricomporre un’ impressione, un momento, una presenza, nulla è mai uguale a ciò che è stato.

  Nulla due volte 2015 Tela dipinta, ferro, specchi, dipinto di Elena Carozzi, tappetino, sabbia, anguria. Dimensioni ambientali. Foto Nabe

 

Nulla due volte 2015
Tela dipinta, ferro, specchi, dipinto di Elena Carozzi, tappetino, sabbia, anguria.
Dimensioni ambientali. Foto Nabe

_MG_1430def.jpg
_MG_1456def.jpg
  Il progetto si inserisce all’interno dell’esposizione collettiva In fila per tre  con Elena Carozzi, Phillippa Peckham e Maja Thommen, tenutasi nel dicembre 2015 a Sarzana (SP), presso tre spazi commerciali in disuso e realizzata grazie alla partecipazione de La Marrana arteambientale. Durante la serata inaugurale Toni Garbini è intervenuto all’interno di Nulla due volte  con una performance basata su una composizione originale di testi tratti da Note di cucina di Rodrigo Garcia e Kurt Weill. Vedi link a sinistra Nulla due volte 2015 Foto Nicola Belluzzi      

 

Il progetto si inserisce all’interno dell’esposizione collettiva In fila per tre  con Elena Carozzi, Phillippa Peckham e Maja Thommen, tenutasi nel dicembre 2015 a Sarzana (SP), presso tre spazi commerciali in disuso e realizzata grazie alla partecipazione de La Marrana arteambientale.

Durante la serata inaugurale Toni Garbini è intervenuto all’interno di Nulla due volte  con una performance basata su una composizione originale di testi tratti da Note di cucina di Rodrigo Garcia e Kurt Weill.

Vedi link a sinistra Nulla due volte 2015

Foto Nicola Belluzzi