Frammento di affresco presso la galleria Passaggi Arte Contemporanea, cm 45x30

Frammento di affresco presso la galleria Passaggi Arte Contemporanea, cm 45x30

 Pieter Bruegel il Vecchio,  Caduta di Icaro , olio su tavola, 1558 circa, Museo reale delle belle arti del Belgio, Bruxelles

Pieter Bruegel il Vecchio, Caduta di Icaro, olio su tavola, 1558 circa, Museo reale delle belle arti del Belgio, Bruxelles

Slittamenti e Margini, Galleria Passaggi Arte Contemporanea, Pisa, dal 1 giugno al 17 novembre 2018.

Un’ulteriore tappa di un percorso di confronto dialogico tra Beatrice Meoni e Silvia Vendramel

Dalle frequentazioni nei rispettivi studi che si sono succedute nel corso degli ultimi quattro anni - alternate a momenti di confronto in spazi espositivi - sono emersi territori di riflessione condivisa tra pittura e scultura.

Gli spazi che di volta in volta ospitano il dialogo tra le due artiste diventano essi stessi luoghi che generano suggestioni e riflessioni su determinate tematiche. Nella mostra Slittamenti e margini per la prima volta Beatrice e Silvia si sono confrontate con lo spazio di una galleria, pur mantenendo sostanzialmente immutato il loro approccio sperimentale.

Un piccolo affresco presente in galleria che ricordava a Silvia una persona a terra con braccia e gambe spalancate, ha fornito il pretesto per una serie di riflessioni su questioni che chiamano in causa equilibri instabili e cadute, già latenti in qualche modo all'interno del lavoro di entrambe le artiste.Tali temi - nella loro vastità – hanno attinto ulteriori suggestioni dal dipinto di Pieter Bruegel il Vecchio La Caduta di Icaro(1560 ca).

Il lavorare insieme di Beatrice e Silvia, pur preservando ognuna la propria identità e ricerca, si traduce nella realizzazione di uno spazio intermedio in cui indagine e pratica si intrecciano, determinando nuovi approcci al lavoro. Il loro modo di operare è intrinsecamente processuale, dettato di volta in volta dalle suggestioni di determinati luoghi e determinate tematiche. Le loro mostre si configurano come percorsi installativi, in un andirivieni di rimandi associativi che lo spettatore è chiamato a decifrare.

L’attenzione si fissa sulla singola opera, ma anche sulla sua messa in situazione, e ciò induce l’osservatore a interrogarsi sui presupposti e i principi che presiedono alla sua concezione.  Una grande sensibilità per lo spazio accomuna Silvia e Beatrice e orienta la loro sperimentazione

 Visione parziale dell’esposizione

Visione parziale dell’esposizione

 Visioni parziali dell’esposizione

Visioni parziali dell’esposizione

10.jpg
  Corale  2018, bronzo, reperti di fusione - Dimensioni varie.

Corale 2018, bronzo, reperti di fusione - Dimensioni varie.

 Visione parziale dell’esposizione

Visione parziale dell’esposizione

  Lei/Wisteria  (dettaglio) 2018, rete da recinzione, glicine e pietre, cm 180x97x77; in secondo piano: B. Meoni,  Florencia , 2018, porcellana, cm 50x20x18

Lei/Wisteria (dettaglio) 2018, rete da recinzione, glicine e pietre, cm 180x97x77; in secondo piano: B. Meoni, Florencia, 2018, porcellana, cm 50x20x18

 B. Meoni,  Failing, falling, failing , 2018, Separé, lino dipinto e legno, cm 240x90

B. Meoni, Failing, falling, failing, 2018, Separé, lino dipinto e legno, cm 240x90

  Lui , 2018, vimini, cm 143x105x130, a muro:  No name , 2018, bronzo, reperto di fusione, cm 11x45x12

Lui, 2018, vimini, cm 143x105x130, a muro: No name, 2018, bronzo, reperto di fusione, cm 11x45x12

  Sebastiano e i fiori , 2018, filo di ferro e bronzo, cm 25x40x37

Sebastiano e i fiori, 2018, filo di ferro e bronzo, cm 25x40x37

 B.Meoni,  Failing  2018, olio su tela - cm25x30

B.Meoni, Failing 2018, olio su tela - cm25x30

 S. Vendramel,  El viaje,  2018, collage e pittura su carta - cm 18x13

S. Vendramel, El viaje, 2018, collage e pittura su carta - cm 18x13

Foto Nicola Belluzzi